Accesso

Documenti

Archivio di Stato

"Francesco Crispi"

Costruire lo Stato per dare forma alla
Nazione

Links

AssoEureka

PROCIV SAFETY 2018

ATTO COSTITUTIVO

ART.1


COSTITUZIONE/CARATTERISTICHE ASSOCIAZIONE/ESENZIONI.

 

E' costituita, ai sensi del D. Lgs  n.117 del 7 Luglio 2017, fra i suddetti comparenti l'Associazione di Volontario di Protezione Civile con denominazione variata da PROCIV ONAPS SICILIA a PROCIV SAFETY patrocinata dal Sovrano Ordine Reale d’Italia(S.O.R.I.) che in base in base all’Art.35 del Suo Statuto Sociale può patrocinare  Associazioni con Nuclei Territoriali di Operatori di Protezione Civile  che si prestano Volontariamente a dare Assistenza in sede Nazionale ed Internazionale alle persone colpite territorialmente da calamità di qualunque genere.

L’Associazione opera senza scopo di lucro, secondo le finalità contemplate dall’art.2 della Carta Costituzionale, in particolare nel campo della Protezione Civile, Safety e del primo Soccorso e prevenzione e protezione antincendio.

Può operare anche nel settore sociale e sanitario(socio assistenziale, socio-sanitario, di supporto alla persona e alle famiglie, etc.) umanitario e di cooperazione nazionale e internazionale.

Collabora, se richiesto, con tutte le strutture ed organizzazioni del S.O.R.I.(Sovrano Ordine Reale d’Italia) esistenti a livello nazionale ed internazionale nonché altre organizzazioni Pubbliche e Private con le quali riterrà utile instaurare rapporti di collaborazione.

L’Associazione ai sensi del D.Lgs 117 del 7 Luglio 2017 presenta:

-  scopo solidaristico ai sensi dell’art. 21 del Codice del Terzo Settore;

-  assenza di scopo di lucro ai sensi dell'art. 21 del Codice del Terzo Settore;

-  attività di interesse generale per il perseguimento di finalità civiche, solidaristiche e 
di utilità sociale;

-  gratuità delle prestazioni fornite dagli aderenti ai sensi dell'art. 17, co 4, del Codice del 
Terzo Settore;

-  democraticità della struttura, elettività e gratuità delle cariche sociali ai sensi del Titolo II – capo 
II del Codice Civile e dell’art. 24, comma 2, del Codice del Terzo Settore;

- obbligo di formazione del bilancio, ai sensi dell’art. 13 del Codice del Terzo Settore, e le modalità di approvazione dello stesso da parte dell'assemblea ai sensi dell’art. 25, 
comma 1, punto c);

-  relazione di attività coerente con le finalità descritte nello Statuto;

-  devoluzione dei beni per eventuale scioglimento, cessazione o estinzione dell’Associazione ai 
sensi dell’art. 9 e dell’art. 21 del Codice del Terzo Settore.

Per l’art.82 comma 3 del D.Lgs 117 del 7 Luglio 2017 in base alla risoluzione n.158/E del 21/12/2017 dell’Agenzia delle Entrate si prevede che per le modifiche statutarie effettuate  che  hanno lo scopo di adeguare gli atti a modifiche o integrazioni normative è prevista l’esenzione dall’imposta di registro.

 

ART.2 FINALITA’

 

L'Associazione è un Ente del Terzo Settore che, in conformità con la legge 106/2016 e il Decreto Legislativo 7 luglio 2017 n.117, e successive modificazioni, opera con finalità solidaristiche e di utilità civile e sociale, anche al fine di sostenere l'autonoma iniziativa di coloro che concorrono, anche in forma associata, a perseguire il bene comune, ad elevare i livelli di cittadinanza attiva, di coesione e Protezione Civile e attività di Safety, favorendo la partecipazione, l'inclusione e il pieno sviluppo della persona, a valorizzare il potenziale di crescita.

L’Associazione non è una formazione o un'associazione politica, né un'associazione sindacale o professionale, di rappresentanza di categorie economiche o di datori di lavoro, e non è sottoposta a direzione, coordinamento e controllo dei suddetti enti.

L'associazione, in quanto non riconosciuta, è regolata inoltre dagli art. 36 e seguenti del Codice Civile.

L'Associazione ha sede legale in via Guastella n.56 a Ribera. Su richiesta di un numero significativo di Soci si costituiranno sedi Territoriali locali  per il Volontariato della Protezione Civile, per i Nuclei Operativi di Safety  per come previsto dall’art.15 di questo Statuto.

NASCITA DEL S.O.R.I.

Come nasce il Sovrano Ordine Reale D'Italia e i Cavalieri di Gesù alla Difesa della Chiesa di Pietro

IL SOVRANOORDINEREALE D’ITALIA E’ STATO FONDATO DA 4 SOCI FONDATORI CHE HANNO FONDATO IL S. O. R. I. COME DA TESTAMENTO (SPIRITUALE) LEGITTIMA SUCCESSIONE AD ALLIATA DI MONTE REALE PRINCIPE DEL SACRO ROMANO IMPERO.

ALLIATA DI MONTE REALE , CHE ERA STATO PARLAMENTARE DELLA REPUBBLICA ITALIANA PER BEN 4 LEGISLATURE .
IL PRINCIPE ALLIATA INCONTRO’ A ROMA UN SENATORE DI DUBLINO (SCOZIA) CHE SI SCAMBIARONO DELLE INFORMAZIONI TRA IL CASATO DI ALLIATA E IL VERO REGNO DI SCOZIA , CIOE’ GLI STUART.
IL SENATORE SCOZZESE, PROMISE, AL PRINCIPE ALLIATA CHE SAREBBE ANDATO NE L’ARCHIVIO DEL CASTELLO DEGLI STUART, DOVE SONO CUSTODITI DEI DOCUMENTI ANCHE DELLA TAVOLA ROTONDA DI RE ARTU’ ! E I NOMI DEI CAVALIERI.
IL SENATORE: TROVO’ TRAMITE L’ARCHIVISTA E CUSTODE , I DOCUMENTI CHE PROVANO L’ESISTENZA DEL SOVRANO ORDINEREALE DI SCOZIA : DOVE SI TROVANO I NOMI PIU’ ECCELSI DELLA NOBILTA’ DI TUTTA L’EUROPEA DI ALLORA: DORMIENTE DA 676 ANNI E, LI PORTO’ IN ITALIA E, LI AFFIDO ’ AL PRINCIPE ALLIATA , PREGANDOLO CHE UN GIORNO LI FACESSE TRADURRE E TRASFORMARLO DA SOVRANO ORDINE REALE DI SCOZIA: IN SOVRANO ORDINE REALE D’ITALIA, NON ESSENDOCI PIU’ NESSUN SUPERSTITE DEI VETUSTI NOBILI CAVALIERI CHE POTESSERO RIVENDICARE L’ESISTENZA DI QUESTI DOCUMENTI.
IL PRINCIPE ALLIATA LI AFFIDATO AL SUO ARCHIVISTA CHE ERA IL PRINCIPE OTTAVIO TRIGONA D’ARAGONA E AL SUO LUOGO TENENTE DI ALLORA CHE’ OGGI E’ L’ATTUALE SOVRANO IN CARICA ( FEDERICO GIOVANNI I°, PREGANDOLO DI FAR TRADURRE TUTTA LA DOCUMENTAZIONE.

FU’ FATTA CONOSCERE ALLE PARTI INTERESSATE E OTTENUTO IL LORO CONSENSO, ALLA TRASFORMAZIONE DA SOVRANO ORDINEREALE DI SCOZIA IN SOVRANO ORDINE REALE D’ITALIA.
DOPO APPROFONDITI STUDI, RICERCHE STORICHE, IL SOVRANOINCARICA FEDERICO GIOVANNI I° AL SECOLO BENEDETTO MISERIA E, I QUATTRO SOCI FONDATORI: FONDANO IL S. O. R. I. ARTE REALENOBILIARE ED EQUESTRE.

TUTTI I CITTADINI ITALIANI SENZA DISTINZIONE DI SESSO: DI ELEVATA CULTURA E SOCIALMENTE STIMATI CHE NON ABBIANO RIPORTATO SENTENZE PENALI PASSATE IN GIUDICATO, SI POSSONO ISCRIVERE.

LA ( SCALA GERARCHICA INTERNA) :

* IL SOVRANO E’ AL VERTICE DELLA PIRAMIDE

* L’ALTA CORTE

* IL LUOGO TENENTE

IL GRAN GIUDICE REALE

* IL MINISTRO ALLO SVILUPPO ECONOMICO.

IL CAMERLENGO ( DELL’ORDINE )

* IL SEGRETARIO PERSONALE DEL SOVRANO

* IL RESPONSABILE ALLA SICUREZZA DEL SOVRANO E DELL’ORDINESTESSO.

* GLI AMBASCIATORI ALLE NAZIONI ESTERE

* I GOVERNATORI ALLE CONTEE NAZIONALI

* I CAVALIERI DI GESU’ ALLA DIFESA DELLA CHIESA DI PIETRO).

statuto S.O.R.I.

LO STATUTO

Il Sovrano Ordine Reale d’Italia è il risultato della più alta scuola filosofica, teosofica, teologica del mondo, affinché l’uomo riesca a guardare oltre il seminato

 

Articolo 1:

Sovrano Ordine Reale d’Italia

Il Sovrano Ordine Reale D’Italia (all’interno del quale c’è l’Accademia SAPIENTIA, che è la più elevata scuola al Mondo) consente di raggiungere la Conoscenza sul chi siamo, da dove veniamo, quale sia la nostra missione sulla Terra, dove andremo post-mortem e infine di scoprire la compenetrazione con la natura che ci circonda e il modo di rapportarci a essa.

 

Articolo 2:

Finalità

Finalità del Sovrano Ordine Reale D’Italia è appartenere al circuito delle Alte Scuole di Pensiero e della Conoscenza, lato mistico che opera alla luce di Colui Che È, cioè di ciò che conosciamo col nome di “Dio” e ciò che altresì poniamo come centralità dell’Uomo, con lo scopo essenziale della vita personale per realizzare la libertà di tutte le genti.

 

Articolo 3:

Scopo

Scopo preminente del Sovrano Ordine Reale D’Italia è la tutela della sacralità della persona umana, in armonia con la dottrina del Cristianesimo (ma non il popolare , bensì quello esoterico, l’unico vero) e alla difesa della chiesa di Pietro, Chiesa Cattolica Universale…!

 

Articolo 4:

Ruolo storico e Funzione

Il ruolo storico del Sovrano Ordine Reale D’Italia è da sempre una funzione spirituale: suo compito è quello di diffondere, favorire e promuovere, attraverso l’educazione dell’Uomo al dialogo e al libero confronto dialettico delle idee, il pensiero, la tolleranza, la fratellanza universale, la costituzione di processi di crescita e di maturazione della cultura Cristiana, liberale e illuminata di modello occidentale, mantenendo sempre in armonia con il principio antropologico di coscienza e cognizione orientata alla ricerca della verità di Dio e dell’Uomo, per apportare felicità e benessere materiale e spirituale alla persona umana, alle genti del mondo e alle Nazioni.

 

Articolo 5:

Divieti

Il Sovrano Ordine Reale D’Italia vieta lo svolgimento di attività all’interno dell’Ordine, nonché assoluta proibizione, pena l’espulsione, di condotte antigiuridiche lesive all’Ordinamento Costituzionale della Repubblica Italiana.

 

Articolo 6:

Filantropismo

Il Sovrano Ordine Reale D’Italia si occupa di Filantropismo e Mecenatismo culturale, tipici delle Costituzioni di Federico II° di Svevia (del Liber Augustalis del 1241 e delle grandi Costituzioni Emanate Dall’Augusta Maestà di Federico II° di Prussia del 1786).

 

Articolo 7:

Trasparenza

Esistono sempre Trasparenze giuridico-amministrativa per le finalità del Sovrano Ordine Reale D’Italia.

 

Articolo 19:

Quote Sociali

Ogni iscritto al Sovrano Ordine Reale D’Italia è tenuto ad adempiere al versamento della quota sociale nella misura stabilita dall’Alta Corte, con versamento su C.C. Bancario intestato a: Sovrano Ordine Reale D’Italia.

Dicasi ugualmente per le donazioni offerte dall’Italia e quelle provenienti dalle Nazioni Estere ed Europee.

 

Articolo 26:

Ordine Nobiliare della Spada e dell’Aquila

Il Sovrano Ordine Reale D’Italia ammette al suo interno l’ “Ordine Nobiliare della Spada e dell’Aquila”, fondato da S. A. S. Giovanni Francesco Alliata di Monte Reale e Principe del Sacro Romano Impero.

L’Ordine Nobiliare premierà coloro che si distingueranno particolarmente nel servire la Patria e l’Umanità e che si siano particolarmente resi benemeriti verso L’Ordine stesso e verso l’associazione Nobiliare della Spada e dell’Aquila.

In considerazione delle molteplici richieste da parte della media-alta borghesia che arrivavano alla segreteria del Principe, allo scopo di essere insigniti del Titolo Nobiliare, è stato fondato l’Ordine Nobiliare della Spada e dell’Aquila. In questo modo, è stato reso autonomo, libero e indipendente dagli altri Casati Nobiliari esistenti in Italia.

L’Ordine non può essere ricollegato agli ordini-casati esistenti: è legittimamente indipendente.

 

Articolo 27:

Finanziamenti e Donazioni

Il Sovrano Ordine Reale D’Italia si autofinanzia, in virtù delle quote associative, dei contributi mensili, annuali e delle donazioni spontanee versate dai nuovi adepti, nonché da eventuali oblazioni straordinarie, lasciti et cetera approvati dall’Alta Corte.

Tali lasciti e donazioni sono devolute all’Assistenza di carattere sociale, Borse di studio ai meno abbienti, Assistenza diretta alla persone bisognose, alla vedove, agli asilo nido per chi non può pagarne retta.

Il Sovrano Ordine Reale D’Italia accetta sostenitori esterni che vogliano donare in beneficenza finalizzando ai meno abbienti; diseredati; senza casa; senza fissa dimora; sfrattati che non possano pagare il canone di locazione.

 

Articolo 29:

Accordo di Whitby

L’Alta Corte del Sovrano Ordine Reale D’Italia riconosce, a seguito di un’attenta delibera, la continuità del Sovrano Ordine Reale d’Italia di Scozia e dei Nove Cavalieri della Tavola Rotonda di re Artù, riaffermando gli antichi valori spirituali di tale Cavalleria come già previsto dagli Statuti del 1786, stilato da Federico II° Re di Prussia detto il Grande e Gran Protettore e Conservatore dell’Ordine, dal Primo Cristiano della Scozia San Ninian che fondò la base Cristiana di origine sulla sponda nord del Solway Firth, a ovest dell’Inghilterra, nell’anno 397 D.C., anno della morte di San Martino di Tours.

Il confine Settentrionale dell’impero Romano era delineato dal vallo costruito da Adriano (122 D.C.) e per tale ragione il paese era ancora sotto forte influenza Romana, anche se i soldati Romani furono richiamati dalla Gran Bretagna nel 410 D.C. per difendere la Città di Roma durante le invasioni Barbariche. I due missionari, i quali professavano l’uno a sud nella regione di San Ninian e l’altro a nord ovest in quella di San Columba, seguirono diverse tradizioni, fra cui la più famosa riguardante la scelta della data della Pasqua. Il sinodo che accettò la tradizione romana con l’accordo di Whitby nel 664 D.C. confermò storicamente quanto la Chiesa, in quelle isole, abbia dovuto la sua fedeltà soprattutto a Pietro. Noi Cavalieri di Gesù ora e sempre saremo dunque alla difesa della Chiesa di Pietro nel nome di Gesù, anche arrivando all’estremo sacrificio.

 

Articolo 30:

Disconoscimento della Scomunica

Il Sovrano Ordine Reale d’Italia riconosce San Giovanni Battista come “Santo Patrono” e Protettore dell’Ordine, che ricorre nella giornata del 24 Giugno in Italia e nel resto del mondo, tre mesi prima del concepimento di Gesù. Anche il 29 agosto è da ricordare, in quanto data del martirio di San Giovanni detto il Battista.

Si è riunita in Roma l’Alta Corte, Presieduta dal Nostro Sovrano, S.A S. Federico Giovanni I°, la quale ha così decretato di non riconoscere la scomunica Papale di Clemente V° del 22 Marzo 1312 a danno dei Cavalieri Templari.

Il Sovrano Ordine Reale d’Italia pertanto ne conferma la continuità legata alla Chiesa, ammettendo al suo interno i Cavalieri Ospedalieri al servizio dei Malati. Dovunque c’è la figura dell’Ambasciatore, egli deve nominare un Cappellano per i Cavalieri di Gesù (alla difesa della Chiesa di Pietro) e nominare i Cavalieri dell’Ordine: egli è il garante dell’amministrazione come prevedono gli Statuti e regolamenti del S. O. R. I.

Il Cappellano curerà la parte spirituale e diffonderà il Cristianesimo Esoterico per tutti i Cristiani della Chiesa di Pietro: ogni credente potrà così realmente conoscere meglio la parola di Gesù, che è la luce del Mondo.

Per arrivare a trovare Dio, basta leggere attentamente la Bibbia: Dio è da scoprire, non può esserci un Dio “imposto” da comuni mortali.

La gestione delle donazioni ordinarie e straordinarie in tutte le Nazioni dove c’è la figura dell’Ambasciatore è gestita dall’Amministrazione dei singoli Ambasciatori, a seguito della delibera dell’Alta Corte di Roma. Ogni Ambasciatore dovrà prima richiedere all’Alta Corte a Roma la delibera dove destinare le donazioni ricevute.

La spiritualità dell’Ordine nel XIII secolo torna finalmente oggi come quella dei caritatevoli Cavalieri Templari. Tutti dovranno attenersi alla legge Cavalleresca Templare del XIII secolo.

Cavalleria Cristiana:

La Cavalleria Cristiana presenta connotati mistico-religiosi cristiani strettamente legati alla ritualità vetusta e originale dell’Ordine Templare del Tempio; oggi è considerata l’espressione più pura della Cavalleria Cristiana.

Al suo interno ci sono solo 9 Cavalieri Eletti, che sostengono Federico Giovanni I°, Sovrano del S. O. R. I.; non è permesso a nessuno degli affiliati al S. O. R. I. di avvicinare e/o parlare con i Cavalieri e nessun altri al di fuori del Sovrano conosce coloro, i quali portano la parola di Gesù nel Mondo, vera Luce.

Sovrano Ordine Reale D’Italia

Fondato da S.A.S. Giovanni Francesco Alliata, nato a Rio de Janeiro il 21/08/1926 e Principe del Sacro Romano Impero Con atto pubblico, redatto dal dottor Edemondo Millozza, Notaio – Via Dalmazia, 29 cap. 00198 Roma Repertorio N°110756 Raccolta N°16720 Registrato il 27 giugno 1986 agli Atti Pubblici il 31 dicembre 1986 e trascritto al Tribunale di Roma

Titoli Nobiliari assegnati:

Gentiluomo

Cavaliere

Barone

Marchese

Conte

Visconte

Duca

Arciduca

Principe

Cavalierato di Cristo

Questa alta onorificenza sarà concessa soltanto ai meritevoli che si siano distinti sotto la volta stellare con opere di pace e di concordia per l’umanità, senza distinzioni di sesso.

 

 

Elenco delle Categorie da Sostenere:

 

Assistenza diretta agli anziani presso istituti e residenza privata

Assistenza diretta ai diseredati, senza casa, senza fissa dimora

Assistenza diretta agli orfani presso istituti e/o enti di ricovero

Assistenza diretta alle mense dei poveri

Assistenza diretta per interventi chirurgici-medici in Italia e all’estero

Collaborazione diretta con i Rettori delle Università per borse di studio ai meritevoli

Assistenza diretta animali abbandonati-maltrattati.

Assistenza diretta agli orfani degli appartenenti alle forze dell’ordine di: Polizia, Carabinieri, Finanza, Esercito, Marina, Aeronautica.

Ordine Nobiliare Della Spada e dell’Aquila

 

Sovrano Ordine Reale d'Italia

IL SOVRANO ORDINE REALE D’ITALIA DEL  R.S.A.A.

Arte Reale Nobiliare ed Equestre

Indirizzo web https://sites.google.com/site/sovranoordinerealersaa/

 

Vi  invitiamo  a  visitare  il  nostro  sito  storico(www.sovranoordinerealeditalia.com n.d.r.) che  legittima  la  nostra  filologia  storica  di  successione,  dato che  nell'ordinamento  Giudiziario  e  nella  Giurisprudenza  Italiana, il  Rito  Scozzese  Antico ed Accettato, essendo  una  associazione  iniziatica  non trova  nessun  articolo  nel  codice  civile e  penale  che  la tutela!  Tutti  possono  creare  una  associazione  e  chiamarla  Massoneria di Rito  Scozzese,  ma...!!! Non  sanno  di  cosa  parlano;  è  l'art.  18  della  Costituzione  che    consente  questa  libertà  di  associarsi  e,  pur essendo  legalmente  costituiti non avranno  una  legittima  successione  filologica    storica;  per  questi  motivi  non  possiamo  dare  inizio  ad  una  azione  legale, ma  possiamo  fare  chiarezza  in  questo  modo  per  rendere  edotto  il  visitatore che  troverà  tutta  l'informazione  necessaria  degli  ultimi  cento  anni  della  storia  del  Rito  in  Italia,  ecco  perchè  siamo  stati  obbligati  alla  creazione  del  SOVRANO  ORDINE  REALE  ALL'ORIENTE  D'ITALIA,   per  fare  chiarezza perchè  tutti  si  proclamano   Rito  Scozzese,  senza  averne  titolo, ed è un  ginepraio  spaventoso, mentre  il  Rito  Scozzese  è  uno  e  unico.  Ecco  il  sito  storico  www.sovranoordinerealeditalia.com(n.d.r.) che    chiarezza.

Tutti  cittadini  Italiani,  continuando  la  tradizione  e  riconfermando  gli  antichi  ed  immutabili  valori,  hanno   scritto  a  Roma  il  giorno  30.03.2009,  la  costituzione  del  SOVRANO  ORDINE  REALE  ALL'ORIENTE  D'ITALIA:  sotto  la  sovranità  di  Benedetto  Miseria  33°,  già  Sovrano  del  Rito  Scozzese e  successore  legittimo  di  Alliata  di  Monte  Reale  Principe  del  Sacro  Romano  Impero.  Riconosciuto  nell'area  mondiale  dal  1957, i  documenti  che  legittimano  questo  riconoscimento  sono  nel  nostro  archivio  e,  nell'archivio  del  Supremo  Consiglio  Madre  del  Mondo  sedente  a  Washington,  16°  Strada  D.C.  (il  riconoscimento  al  Principe fu  dato  alla  presenza  del  Presidente  degli  Stati  Uniti  Dwight  Eisenhower  e,  il  Sovrano  Americano  Luther  Smith  33°  Grado  ad  Vitam,  come  dall'estratto  cronologico  della  sessione  del  Supremo  Consiglio  tenutasi  a  Washington,  il  26  Ottobre  ore  10,00  del  1957.

IL  SOVRANO  ORDINE  REALE:  ARTE  REALE  NOBILIARE  ED  EQUESTRE  LEGITTIMA  SUCCESSIONE  AD  ALLIATA  DI  MONTE  REALE  PRINCIPE  DEL  SACRO  ROMANO  IMPERO,  (non  una  realtà  territoriale,  ma  che  designa  la  funzione  politico-religiosa  a  difesa  della  chiesa  Cristianità  di  Pietro  che,  è  il  garante  della  legittimità  di  tutti  i  Supremi  Consigli  del  Mondo  che  riconoscono  le  Grandi  Costituzioni  della  Augusta  Maestà  di  Federico  II°  di  Prussia  detto  il  Grande  del  1786,  che  restano  in  perpetuo  i  soli  riconosciuti  da  tutti  i  Supremi  Consigli  del  Mondo.

 

                                                                  CAVALLERIA  CRISTIANA

La  Cavalleria  Cristiana  che  presenta  connotati  mistico-religiosi  Cristiani  strettamente  legati  alla  realtà  originale  dell'Ordine  Templare  del  Tempio,   viene  oggi  considerata  l'espressione  più  pura  del  neo  templare.  E'  una  Cavalleria  Cristiana,  nonostante  il  termine  identifichi,  di  norma,  il  livello  istituzionale  del  SOVRANO  ORDINE  REALE,  EMANAZIONE  DEL  RITO  SCOZZESE,    del  quale  a  mette  al  suo  interno  le  trenta  camere  iniziatiche  operanti  che,  sono  all'interno  del  Rito  Scozzese  che  ne  faranno  richiesta.

IL  SOVRANO  ORDINE  REALE,    preserva  e  trasmette,  nella  loro  purezza,  le  dottrine  fondamentali  di  tutte  le  religioni  monoteiste  in  particolare  della  religione  Cristiana  che  rappresenta  il  buono,  il  carattere,  ispirato  da  amore  verso  i  propri  simili,  molte  Nazioni  e  da  coercizioni  che  erano  la  causa  di  schiavitù;  conoscendo  i  vetusti  segreti  del  sapere  che,  non  possono  essere  rivelati  ad  alcuno  ma...!!!  Prendere  per  mano  questo  qualcuno  e  portarlo  verso  la  conoscenza,  per  compenetrarsi  con  le  leggi  della  natura  e  dell'Universo.

Si  afferma  che  il  SOVRANO  ORDINE  REALE,  in  presenza  di  rinnovati  attacchi  delle  forza  dell'oscurantismo  e  del  materialismo,  non  prova  timore  alcuno,  sempre  restando  vigile  per  difendere  i  buoni,  i  deboli,  i  meno  abbienti,  i  diritti  calpestati.

I  principi  universali  di  Fratellanza,  di  Giustizia,  di  Libertà  e  Conoscenza  costituiscono  la  base  della  difesa  contro  qualsiasi  violenza  morale,  personale  e  materiale  in  generale.

Ogni  appartenente  al  SOVRANO  ORDINE  REALE,  ha  il  dovere  di  farsi  guidare  da  principi  morali  che  egli  osserva  sia  nell'ambito  dell'Ordine  e  sia  nella  vita  profana.  Il  SOVRANO  ORDINE  REALE ,  ammette  al  suo  interno  le  Stelle  d'Oriente  provenienti  dal  Rito  Scozzese  A.'.A.'.  che  ne  faranno  legittima  richiesta.

Art.n° 1  dello  Statuto

(il  SOVRANO  ORDINE  REALE  ALL'ORINTE  D'ITALIA,  fondato  da  nove  SOVRANI  GRANDI  ISPETTORI  GENERALI  DELL  33°  Grado)  tutti  già  appartenenti  al  Supremo  Consiglio  del  Rito  Scozzese  A.'.A.'.  della  legittima  successione  ad  Alliata  di  Monte  Reale  Principe  del  Sacro  Romano  Impero.

E'  il  GARANTE  SUPREMO,  della  legittima  successione  storica  di  tutti  i  Supremi  Consigli  unitamente  ai  loro  Sovrani  ad  Vitam,  delle  singole  Nazioni  nel  Mondo,  legittimamente  eletti  nelle  loro  Nazione  nella  successione  filologica  storica  in  osservanza  agli  Statuti  di  Federico  II°  del  1786,  di  conseguenza  devono  considerarsi  in  legittimi,  in  perpetuo,  tutti  i  sedicenti  Riti  Scozzesi  e  Supremi  Consigli  Italici  in  particolare.

 

Art. n° 2  (FINALITA'  DEL  SOVRANO  ORDINE  REALE)

(SCOPO  PREMINENTE  DEL  SOVRANO  ORDINE  REALE:  tutela  della  sacralità  della  persona  umana,  in  armonia  con  la  dottrina  del  Cristianesimo  della  chiesa  di  PIETRO).

RUOLO  STORICO  Il  ruolo  storico,  il  compito  e  la  funzione  spirituale  del  Sovrano  Ordine  Reale,  è  quello  di  diffondere,  favorire  e  promuovere,  attraverso  l'educazione  dell'Uomo  al  dialogo  ed  al  libero  confronto  dialettico  delle  idee,  del  pensiero  e  della  tolleranza  e  la  fratellanza  universale  per  la  costituzione  di  processi  di  crescita  e  di   cultura  Cristiana.

(DIVIETO  DI  SVOLGIMENTO  (di  attività  all'interno  del  Sovrano  Ordine  Reale,  nonchè  assoluta  proibizione,  pena  l'espulsione,  di  condotte  antigiuridiche  lesive  all'Ordinamento  Costituzionale  della  Repubblica  Italiana).  Il  Sovrano  Ordine  Reale  è  una  istituzione  fondata  sulla  filosofia  della  Ragione  e  della  Tolleranza  del  cristianesimo  come  patrimonio  universale  di  quella  Europa  giudaico-cristiana  che  sin  dall'epoca  del  Sacro  Romano  Impero  e  delle  Monarchie  Costituzionali  settecentesche  ha  diffuso  nei  popoli  la  vera  luce  del  Gran  Protettore  dell'Umanità,  Gesù  di  Nazareth  discendente  di  Hiram,  che  ha  insegnato  al  Mondo  i  precetti  e  le  norme-precetto  cosmopolite  che  rappresentano,  il  codice  personale  di  ogni  uomo  libero,  probo  e  di  buona  volontà  che  si  sintetizzano  nel  seguente  precetto  DIVINO:  Ama  il  "tuo"  simile  come  te  stesso,  Non  fare  all'altro  ciò  che  non  vuoi  sia  fatto  a  te,  Non  giudicare  mai  il  tuo  simile  perchè  l'uomo  non  può  giudicare  l'altro  uomo, prerogativa  demandata  alla  Giustizia  Terrena  e  alla  Giustizia  DIVINA.

 

FINALITA'  DEL  SOVRANO  ORDINE  REALE: (filantropia  e  mecenatismo  culturale  tipico  delle  Costituzioni  di  Federico  II°  di  Svevia  del  Liber  Augustalis  del  1241  e  delle  Grandi  Costituzioni  Emanate  Dall'Augusta  Maestà  di  Federico  II°  di  Prussia  del  1786).

(TRASPARENZA  GIURITO-AMMINISTRATIVA:  ai  sensi  e  per  gli  effetti  dell'art.  1  delle  Legge  25  gennaio  1982,  n.  17,  "nomen  Juris":  "Norme  di  attuazione  dell'art.  18  della  Costituzione  in  materia  di  associazioni  segrete.  Il  Sovrano  Ordine  Reale  all'Orinte  d'Italia,  in  armonia  con  le  finalità  istituzionali  previste  dall'art.  6  del  nostro  Statuto,  al  fine  di  attuare  una  totale  trasparenza  giuridico-amministrativa  ed  una  piena  legalità  per  la  connotazione  di  assoluta  liceità  e  regolarità  dell'Associazione,  rende  noto  e  notifica  al  Presidente  della  Repubblica   Italiana,  al  Presidente  del  Consiglio  dei  Ministri  nonchè  alla  Corte  Costituzionale  e  al  Procuratore  della  Repubblica  Italiana  a  Roma,  al  "Pontefice"  alla  DIGOS  della  Questura  di  Roma.

 

IL  SOVRANO  ORDINE  REALE  ALL'ORIENTE  D'ITALIA,  ha  al  suo  vertice  il  Sovrano  Gran  Commendatore  Gran  Protettore  Vero  Conservatore  dell'Ordine  che,  impersona  Federico  II°  di  Prussia,  viene  assistito  da  un  Luogotenente  Gran  Commendatore  che  impersona  Luigi  Filippo  di  Orleans.  Egli  presiede  L'Alta  Corte  e  il  Consiglio  Direttivo  composto  soltanto  di  Altissimi  dignitari  che,  Sono  i  Suoi  Strettissimi  Collaboratori.

E'  FATTO  DIVIETO  AGLI  ISCRITTI  DEL  SOVRANO  ORDINE  REALE,  di corrispondenza  epistolare  e  telefonica  nonchè  assoluta  proibizione  di  contatti  e  riunioni  anche  in  occasione  di  matrimoni,  cresime  e  battesimi  con  soggetti  indiziati  di  appartenenza  ad  associazioni  per  delinquere  di  tipo  comune  e  di  tipo  mafioso  anche  territorialmente  denominate.

IL  SOVRANO  ORDINE  REALE  ALL'ORIENTE  D'ITALIA,  è  di  stretta  osservanza  Cristiana,  possono  essere  ammessi:  Cristiani  di  varie  professioni,  non  ammette  al  suo  interno  partiti  politici  e,    politicanti  di  qualsiasi  corrente  politica.  Il  SOVRANO  ORDINE  REALE,  è  una  scuola  che  si  propone  l'elevazione  spirituale  dell'Uomo.  Si  propone  inoltre  di  migliorare  la  condizione  umana  e  sociale  delle  genti:  di  diffondere  i  principi  morali  della  cristianità.

Il  SOVRANO  ORDINE  REALE,  organizza  convegni  e  congressi  di  studi,  storici  e  giuridici,  scientifici  ed  economici,  sociali  ed  informativi, (con  giornali  propri  e  mezzi  d'informazione  televisivi) organizza  tavole  rotonde,  cene  sociali,  mostre  e  spettacoli,  costituisce  agenzie  di  informazione per  la  stampa  e  pubblicazione  di  quotidiani  e  mensili,  circoli  e  luoghi  di  ritrovo  in  tutto  il  territorio  Nazionale:  aprirà  negli  Stati  esteri  che,  siano  riconosciuti  dalla  Repubblica  Italiana,  le  proprie  sedi  di  rappresentanza.  Non  sono  ammessi  atei.

L'ALTA  CORTE  è  composta  da  nove  membri  più  il  Sovrano  Gran  Commendatore  che,  hanno  diritto  di  voto;  i  Membri  onorari  e  di  merito  hanno  diritto  di  prendere  la  parola  nelle  riunioni  ufficiali,  non  hanno  diritto  di  voto. L'Alta  Corte  curerà  tutta  l'amministrazione  economica  e  tutte  le  altre  decisioni  all'interno  dell'Ordine,  i  membri  dell'Alta  Corte  restano  in  carica  cinque  anni,  così  dicasi  per  il  Luogotenente  e  il  Gran  Giudice  Reale.  Allo  scadere  dei  cinque  anni,  ogni  singolo  dignitario  potrà  riproporsi  per  un  ulteriore  mandato,  in  tal  caso  il  Sovrano  Gran  Commendatore  Valuterà  l'operato  di  ogni  singolo  richiedente  e  solamente  a  suo   insindacabile  giudizio  delibererà  che  il  proponente  sia  riammesso  alla  dignità  precedente  o  ad  altra  dignità.

In Jesus Vincit +

In Jesus Imperat +

In Jesus Regat +

Cav. Ing. Salvatore AVANZATO

Governatore SORI CONTEA DUE SICILIE

SICILIA,CALABRIA,BASILICATA,CAMPANIA,PUGLIA,ABRUZZO,MOLISE,MARCHE.

 

QUALITA'

SERVIZI SISTEMI DI GESTIONE DELLA QUALITA’(NORME ISO) ED INTEGRATI QUALITA’/AMBIENTE/SICUREZZA:

    -  Progettazione e realizzazione di sistemi di qualità aziendale conformi alla norma internazionale UNI EN ISO 9001;

    - verifiche ispettive interne ed assistenza nelle fasi di certificazione con Auditor e Lead Auditor;

    - assistenza post-certificazione e progetti di miglioramento continuo;

    - progetti di certificazione prodotti;

    - sistemi di gestione della qualità(ISO 9001), ambientale(ISO 14000), SGSL(OHSAS 18001);

    - sistemi gestione etica(SA 8000) e UNI 9994 – 1 e 2(estintori e manutentori).

adesione NOT

Sono l’Ing. Avanzato Salvatore,  Presidente dell’Associazione di Volontariato PROCIV SAFETY,

e informo che si può aderire a Socio della PROCIV SAFETY scaricando la scheda di adesione e prendendo visione dello Statuto nel sito www.assoeureka.it.

La nostra è un’Associazione a livello Nazionale ed Internazionale patrocinata dal S.O.R.I.(Sovrano Ordine Reale d’Italia www.sovranoordinerealeditalia.com).

Dall’oggetto sociale potrai rilevare tutte le attività che potrai sviluppare a livello territoriale con un impegno da componente dei vari N.O.T.(Nuclei Operativi Territoriali) o da Responsabile degli stessi con compiti direttivi e di preposto.

L’impegno è quello di costituire Nuclei di n.9 componenti(1 Responsabile + 8 Componenti) a livello territoriale(ci si può riferire al territorio della Parrocchia di appartenenza) per organizzare sul posto tramite PROCIV SAFETY i corsi di formazione(antincendio rischio alto e medio, primo soccorso, BLS-D, Emergenze, etc.) idonei per i vari Nuclei(Antincendio, Guardia Spiagge, Guardia Fuochi, Safety, etc.).

Per i Nuclei Operativi di Protezione Civile, oltre ad una idoneità psico-fisica ed attitudinale e alla dovuta formazione effettuata da PROCIV SAFETY, è obbligo la doppia appartenenza come Socio di PROCIV SAFETY e l’investitura di un 1 Cavaliere e n. 8 Cavalieri del S.O.R.I.(n. 9 componenti sempre territorialmente afferenti alla Parrocchia di appartenenza) le cui schede di adesione possono essere scaricare dal sito www.assoeureka.it. Per le realtà territoriali di grandi città i Nuclei Operativi Territoriali di 9 componenti posso raddoppiare, triplicare, etc..

Per qualunque chiarimento ed informazioni:

Ing. Avanzato Salvatore

Presidente PROCIV SAFETY

339 76.26.301 – 339 69.76.112.

SICUREZZA CANTIERI

SERVIZI GESTIONE DEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI(COMMITTENTI E DATORI DI LAVORO) SIA PUBBLICI CHE PRIVATI:

    - il COORDINATORE SICUREZZA per la progettazione e per la esecuzione dei lavori( Titolo IV del D.Lgs 81/08 e ss.mm.) relativamente alla redazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento e Fascicolo Tecnico dell’opera e il coordinamento in cantiere in possesso di Attestato di qualifica e qualità professionale ai sensi della Legge 4/2013;

    - il RESPONSABILE DEI LAVORI con compiti di progettazione e di esecuzione e del controllo dell’esecuzione dell’opera;

    - la realizzazione di un elaborato tecnico della copertura con indicazioni progettuali, prescrizioni tecniche ai fini della prevenzione e della protezione dai rischi di caduta dall’alto;

    - il CONSULENTE SICUREZZA per la redazione del PIANO SOSTITUTIVO DI SICUREZZA(PSS), DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI(DUVRI), PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA(POS) specifico di cantiere in possesso di Attestato di qualifica e qualità professionale ai sensi della Legge 4/2013;

    -  il RESPONSABILE e ADDETTTI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE per la redazione del POS e il Documento di Valutazione dei Rischi Aziendale in possesso di Attestato di qualifica e qualità professionale ai sensi della Legge 4/2013;

    -  il TECNICO COMPETENTE per la redazione del Piano Montaggio Uso e Smontaggio di Ponteggi(PiMUS) in possesso di Attestato di qualifica e qualità prof. ai sensi della Legge 4/2013.